Un’avventura tra i fiori di yucca: Il Regalo

“Non sapevo veramente che le persone potessero intendere le cose in modo diverso da come le dicevano.” (Gunilla Gerland)
Finalmente mi sono decisa. Il Regalo è un mio racconto breve, pronto per farsi spazio nel fantasmagorico mondo degli e-book da un bel po’ di tempo. Andrea Lupia, l’illustratore della copertina e mio carissimo amico, avrà pensato di aver disegnato per niente. Germano, che come sempre ne ha curato l’editing, a un certo punto ha smesso di chiedermi quando l’avrei pubblicato.
Continue Reading

Il Prosivendolo: Di bestia in bestia

Con Il Prosivendolo, diamo inizio alla nuova rubrica appartenente all’ormai noto Nicola Laurenza. Una volta al mese ci delizierà della sua infinita cultura. Quindi, bando alle ciance.

*

Inizia come un romanzo di Verne, prospetta una vampirintica vicenda stokeriana, però la dissolve per entrare nei territori del gotico alla Poe o alla Shelley
Di bestia in bestia, romanzo d’esordio di Michele Mari datato 1989 (quando ancora era solo un linguista e filologo, e si vede), è un animale raro anch’esso. Una belva imbizzarrita che invece di farsi cavalcare docile ingaggia una sfida col lettore, costretto a stargli dietro e a cercare di domarlo.
Continue Reading

Pronti per un nuovo racconto horror?

“Per Miriam, trentacinquenne infelice, una festa anni ’80 può essere motivo di rivalsa verso un’irritante collega. Per qualcun altro, un motivo per uccidere.

Novelette horror dall’humor nero, ambientata in Alto-Adige.”

Si pensa, erroneamente, che il racconto sia il fratello minore, e magari un po’ sfigato, del romanzo. Certamente il romanzo ha intrinsecamente ambizioni più alte, comporta un’enorme mole di lavoro, pazienza, dedizione. Ma, per ora, il racconto (breve, soprattutto) è la dimensione narrativa in cui mi sento più a mio agio.

Continue Reading

AMSORA & VECCHIO FLINT: storie del terrore made in Italy

Questa settimana di vacanza dei morti sta giungendo agli sgoccioli. Vacanza per modo di dire, giusto ieri pomeriggio ho fatto quello che mi ero programmata: non avere programmi. Ma insomma, non mi voglio lamentare. Ho un tatuaggio nuovo e la centrifuga ordinata coi punti è finalmente arrivata. Ma, soprattutto, sono riuscita a sdraiarmi e leggere qualcosa, ovvero i due racconti di Marco Siena: Amsora e Vecchio Flint.
Continue Reading

Pillole di Lettura: NELLA LUCE

“… Mio padre invece era rimasto in disparte a guardar fuori, come attratto da un magnete invisibile trasportato dal vento. Mi fece tenerezza: sapevo che ciò che stava investendo il mondo esterno corrispondeva a quello che muoveva dentro di lui da una vita intera. Dopo tanto tempo avevo capito, e fui triste per il suo destino quanto felice per averne afferrato la coda. Almeno la coda.” (Nella Luce – Francesca Fichera)
Per la serie, cosa diamine posso leggere quest’estate, ecco che spunta fuori un racconto che si legge tranquillamente al bar mentre si gusta un espressino senza l’obbligo di chiacchierare per forza.
Continue Reading