Le virtù degli incasellati: pronti per il family day?

Al family day ci andrà sicuramente un sacco di gente. Gente che, per abitudine, urla in faccia ai propri figli scarsi in matematica, nel tentativo di inculcarle loro nozioni che faticano a comprendere. O poco avvezzi allo studio in generale e quindi la tecnica di insegnamento è quella dell’umiliazione. Gente che mette al mondo figli nel sacro vincolo del matrimonio cristiano per poi farli crescere dagli altri. Mamma Gemma Teller-Morrow le definirebbe persone egoiste e pigre. Sono certa che ci andranno anche coloro che non hanno figli, ma che hanno bene in mente una certa progettualità. Sono così sicuri, così comodi e incasellati.
Continue Reading

I vostri figli vi guardano

Il canto di Kali è un romanzo dell’orrore, scritto da Dan Simmons e pubblicato nel 1985. È poco più giovane di me, questo libro. Si mantiene alla grande, dopo trent’anni, fa ancora il suo sporco lavoro: mette addosso una paura fottuta. Il protagonista è un uomo, Luczak, che finisce in India per cercare il poeta Das, dapprima ritenuto morto e poi magicamentu1288e ricomparso, a scrivere un reportage. Ci viene spedito dalla rivista Harper’s Magazine, non tanto per le sue capacità, ma piuttosto per quella della moglie Amrita, essendo indiana. Luczak parte per Calcutta con Amrita e la figlia Victoria, appena nata. Non sarà una piacevole vacanza.
Il libro di Simmons è un capolavoro. Scritto divinamente, ti ipnotizza come se Kali cantasse davvero mentre stai leggendo. Lo ritengo uno dei più straordinari romanzi dell’orrore.
Continue Reading