“Dio, perché mi hai abbandonato?” [Penny Dreadful-L’epilogo]

Riemergo lentamente dalla calura pugliese, tipo ippopotamo in pieno coma, per dire due parole (e dico due) su Penny Dreadful. Quando una storia d’amore come quella tra me e i personaggi di questa incantevole serie TV giunge al termine, il sentimento che si prova è un misto tra dolore ed estasi. Sai che è finita per sempre, ma è stato talmente bello che, anche se fa male, lo accetti e ne conservi un dolce ricordo. 
Continue Reading

DAREDEVIL 2 (tiriamo le somme)

L’altra volta parlavo dell’incredibile capacità dei britannici di narrare una o più storie complete ed esaustive in pochi episodi. Broadchurch ne è l’esempio perfetto. Cosa che, purtroppo, agli americani non riesce altrettanto bene. A tal proposito, la seconda stagione di Daredevil dimostra tutte le difficoltà del caso. Ne parlai qualche settimana fa, prime impressioni che nascondevano un certo timore. Ora, non è che sia brutta, mantiene comunque un buon livello di intrattenimento e la sola presenza del Punitore vale la visione dell’intera stagione.
Continue Reading

BROADCHURCH e l’abisso della scogliera

“Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te” (Friedrich Nietzsche)
Proprio l’altra sera, concludendo la seconda stagione di Broadchurch, mi sono chiesta come facciano gli inglesi a realizzare serie TV così efficaci in pochi episodi. Otto, per la precisione, non perdendo mai il filo della sceneggiatura, mantenendola stabile e solida. La prima stagione la vidi circa un anno e mezzo fa, poco dopo quel capolavoro di The Missing (di cui attendo la seconda stagione con estrema impazienza, da due anni) e mi innamorai di quella scogliera a strapiombo sulla placida spiaggia di questa cittadina, dove tutti si conoscono e custodiscono qualcosa di cui non andare proprio fieri, che è Broadchurch.
Continue Reading

DAREDEVIL 2 (il triangolo no… Non lo avevo considerato!)

È iniziata su Netflix (Dio ti abbia in gloria, nei secoli dei secoli, amen!) la seconda stagione di Daredevil e, come volevasi dimostrare, picchia duro senza farsi troppi problemi. I primi quattro episodi sono carichi di adrenalina, perché a Hell’s Kitchen è arrivato The Punisher. La sua giustizia è leggermente diversa da quella del nostro Murdock (Charlie Cox). The Punisher, mister Frank Castle (Jon Bernthal), uccide. Compie strage di brutti ceffi, ma non è un semplice psicopatico. Lui in fondo è un sentimentale, ha perso la sua famiglia e quel dolore gli permette di mirare all’obiettivo e fare centro.
Continue Reading

L’eroismo dei sopravvissuti: Jessica Jones

Un’altra serie partorita da Netflix è Jessica Jones. Siamo alle prese con un personaggio uscito da casa Marvel, che onestamente non conoscevo, un’eroina decisamente atipica. Le vicende sono ambientate sempre in quell’inferno metropolitano di Hell’s Kitchen, come in Daredevil, ma meno putrido e sporco. Probabilmente perché è sufficiente l’appartamento di Jessica per capire quanto sia degradante il quartiere in cui vive: la porta d’entrata perennemente rotta, con del cartone a coprire la vetrata (che lei chiude sempre a chiave), bottiglie vuote, disordine vario, frigo vuoto, armadietti sgangherati. Una scrivania, un portatile e un cellulare, più una bottiglia del più economico whisky preso al discount.
Continue Reading