A Song to Say Goodbye [e-book]

“Ollie sorride e il cerone si tende sulle guance. Chiude gli occhi, sente la gente attorno farle largo senza rendersene conto per evitare di toccarla. Si lascia trascinare dalla sirena, lontana dal locale, lontana dal brusio degli avventori. Lontana dalla città che vive il suo primo giorno dei morti dopo Rodeo Drive.”
A Song to Say Goodbye è un racconto brevissimo di Marina Belli. Ce l’avevo nel mio caro Kindle da anni, me l’ero completamente dimenticato. Un giorno mi sono detta che avevo accumulato troppe cose da leggere e che dovevo tornare indietro nel tempo e partire dall’inizio. In realtà non è che fosse poi così tanta roba, ma non divaghiamo. Vedo il racconto di Marina e lo leggo a velocità supersonica.
Continue Reading

American Gods – la serie [la gradite una bevuta di idromele?]

Questo articolo è dedicato a Fausto Vernazzani dei CineFatti. Ovvero colui che deve essere convinto.
Scrivo col contagocce perché:
A. Ho caldo.
B. La vita mi impone un perpetuo sacrificio (stress stress stress).
C. Sono in ferie. Il che dovrebbe aiutarmi a staccare il cordone ombelicale che mi unisce a un grooooosso cervello vivo ed esaurito, ma ciò equivale anche a non avere la minima voglia di accendere il PC.
D. Ho caldo³.
Tuttavia, urge che vi dica due parole in merito ad American Gods, la serie ideata da  Bryan Fuller e Michael Green, trasmessa dal canale Starz, in Italia grazie ad Amazon Prime Video (love love). Come tutti spero sappiate, la serie è tratta dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman.
Continue Reading